AVVISO

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK |

e-mail


elmarlener@gmail.com

martedì 26 gennaio 2016

bardo-lusevera-news e dintorni: PENSIONATI IN FUGA

I nostri pensionati devono emigrare per vivere meglio,ma Elmar non ha la pensione solo un sussidio INPS che non permette di sopravvivere.Spera che la pensione ,quando la riceverà,gli permetta una vita migliore di quella odierna. Te lo auguro ...


bardo-lusevera-news e dintorni: PENSIONATI IN FUGA: di Tania Careddu “Una nuova partenza”. “Colora il tuo futuro”. Lo suggerisce ai pensionati italiani una delle nuove agenzie nate per o...

lunedì 25 gennaio 2016

AVVISO

Buonasera a tutti.Il Pc di Elmar ha molti problemi quindi fino a quando non sarà possibile provvedere a sistemarlo essendo anch'io amministratrice di questo blog posterò io .
Per metterlo a posto si deve spendere, a meno che qualche persona che abiti vicino al Garda si offra di sistemarlo gratuitamente.Io posterò notizie sulla disabilità o pensieri che Elmar ha scritto a suo tempo in fb.
olgica t

venerdì 22 gennaio 2016

Bella storia di umanità

da http://www.laprovinciadicomo.it/stories/olgiate-e-bassa-comasca/lautista-il-bus-e-il-disabile-macche-eroe-farlo-salire-era-soltanto-il-mio_1162108_11/
Albiolo Domenico Stillitano, 44 anni, al volante da 10
non ci tiene a passare per un eroe: è il mio mestiere «Ho fatto solo il mio mestiere. L’avrebbero fatto anche i miei colleghi. Ringrazio il signor Diamante per le belle parole, ma divido i suoi ringraziamenti con i miei colleghi».Domenico Stillitano, 44 anni, di Como, è l’autista di Ferrovie nord Fnma Autoservizi, la cui storia ha fatto il giro d’Italia ed è davvero gentile come è stato dipinto da Diamante Albergati. Albergati è in sedia a rotelle, la pedana per salire sul bus era rotta. L’autista non ci ha pensato un secondo e ha chiamato in centrale per farsi mandare un altro bus. Così cinque minuti dopo Albergati era sul bus.
Fare un atto doveroso di umanità come questo ormai nella maggior parte dei casi è diventato eccezionale ed è stato definito eroico.Domenico Stillitano sei davvero una persona speciale come poche!

L'indifferenza è il peggiore dei mali


di Elie Wiesel, premio Nobel per la pace 1986:
Sono molte le atrocità nel mondo e moltissimi  i pericoli:
Ma di una cosa sono certo: il male peggiore è l’indifferenza.
Il contrario dell’amore non è l’odio, ma l’indifferenza;
il contrario della vita non è la morte, ma l’indifferenza;
il contrario dell’intelligenza non è la stupidità, ma l’indifferenza.
E’ contro di essa che bisogna combattere con tutte
le proprie forze.
E per farlo un’arma esiste: l’educazione.
Bisogna praticarla. diffonderla, condividerla, esercitarla
sempre e dovunque.

mercoledì 20 gennaio 2016

La sindrome da deiscenza del canale semicircolare superiore, meglio conosciuta come DCSS


Un'anomalia dello sviluppo che si manifesta durante i primi tre anni di vita, a causa probabilmente di una carenza di crescita ossea nell'equilibrio superiore dell'orecchio interno, con la conseguente formazione di un piccolo foro. 
E' la DCSS, un disturbo da cui è affetto il 12% della popolazione, scoperto dal dottor Lloyd Minor della John Hopkins University di Baltimora, nel 1995, grazie a uno studio effettuato sui piccioni.
Una sindrome ancora in fase di studio e ancora non del tutto capita, a causa della sua assenza di effetti visibili. "Alcuni miei pazienti - spiega infatti il dottor Minor in una relazione del 2011 - mi sono stati indirizzati da colleghi psichiatri, salvo poi scoprire che non si trattava dei disturbi a cui si era pensato".
E' la malattia da cui è affetta Filippa, una donna che dopo anni di ansia e instabilità ha scoperto, a 40 anni, di esserne affetta. "Arrivata a vent'anni - racconta - ero ormai sicura che qualcosa non andava.
Avevo spesso nausea, problemi di equilibrio, anche contemporaneamente, e a poco a poco ho iniziato a perdere fiducia. Poi nel 2003, un brusco cambiamento di pressione durante la fase di discesa di un volo, ha innescato l'intera gamma di sintomi.
Mi sembrava di avere un pallone che dovesse scoppiare nella testa". Un mal di testa che diventava sempre più acuto e una nausea sempre più persistente. Ormai allo stremo delle forza, Filippa decide di consultare uno specialista.
Una TAC confermò la DCSS. "Il ricorso alla chirurgia - ricorda la donna avrebbe dovuto migliorare la mia situazione, ma una procedura sperimentale si è purtroppo rivelata disastrosa, peggiorando la mia condizione”.
Ecco allora che Filippa si fa operare dal dott. Gerard Gianoli della Louisiana. Una scelta non facile ma necessaria. "Ci sono stati rischi seri da considerare, tra cui la perdita dell'udito e danni ai nervi". Il lato destro è stato operato con successo, purtroppo permangono i rumori sibilanti al sinistro.
Gian Piero Robbi - robbi.org

domenica 17 gennaio 2016

FRASE


La disabilità non è una coraggiosa lotta o "coraggio di affrontare le avversità".La disabilità è un'arte.E' un modo ingegnoso di vivere.
  * Neil Marcus dal web
Io Elmar  ti ammiro per come ti sei ingegnato nella tua lotta alla sopravvivenza!

*Neil Marcus,  nato nel 1954 a New York,è un attore e drammaturgo attivo nello sviluppo della cultura e della disabilità,che ha ridisegnato modi di pensare la disabilità.



Il colore dell'erba: il primo film per non vedenti al cinema.


Anteprima nazionale 18 gennaio 2016 a Torino per "Il colore dell’erba" diJuliane Biasi Hendel, delicato road-movie da guardare a occhi chiusi che sarà poi in sala a febbraio nelle principali città italiane.
Prodotto da Indyca e da Kuraj, con il sostegno del Mibact, di Trentino Film CommissionPiemonte Doc Film Fund e Rai 3 (Doc 3) e con il patrocinio dell’UICI – Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, il film è frutto di un lavoro di oltre quattro anni, Il colore dell’erba racconta la storia vera di Giorgia e Giona, due giovanissime ragazze non vedenti in cammino verso l’indipendenza.

Non possono vedere ciò che le circonda, ma le paure, le emozioni, gli impegni che la vita impone sono eguali a quelle di tutti i loro coetanei. Una passeggiata da sole fino a un lago diventa una sfida appassionata che le porta a misurarsi con loro stesse ed è metafora dell’adolescenza, età rivoluzionaria e delicata in cui si lascia per la prima volta l’uscio di casa per affrontare il mondo in modo indipendente. Giorgia e Giona mostrano come la “paura del buio” riguardi tutti, e diventano un esempio di come questa paura possa essere affrontata, qualunque sia la sfida, per riscoprirsi ancora più forti.

«Mi piace scoprire nuovi mondi e anche l’adolescenza lo è», afferma la regista. «È un’età in cui la paura dell’ignoto invade e al tempo stesso spinge a conoscere il mondo. E Giorgia e Giona hanno un valore aggiunto per farci scoprire ancora di più queste emozioni».

Edizione speciale per le sale, il film offre una esperienza sensoriale unica grazie alla costruzione di un vero e proprio “paesaggio sonoro” che rende il film visibile “a occhi chiusi”. Ideato per essere percepito anche da un pubblico di non vedenti, il film si avvale del contributo del sound designer Mirco Mencacci, istituzione nel mondo del sonoro, già collaboratore di Marco Tullio GiordanaFerzan Ozpetek, e Michelangelo Antonioni. Mencacci ha creato assieme alla regista e il team Indyca un universo sonoro che riproponesse il mondo non solo fisico ma anche emotivo delle sue giovani protagoniste nel quale immergere gli spettatori e che, per la prima volta al cinema, permette di unire nella visione persone vedenti e non vedenti.http://www.lavocedeltrentino.it/index.php/social-mente/24378-il-colore-dell-erba-il-primo-film-per-non-vedenti-al-cinema

venerdì 15 gennaio 2016

Iacopo Melio e gli insulti dei fans di Salvini



Iacopo Melio, 23 anni, l’ho conosciuto attraverso i social.  Iacopo ha una malattia genetica rara: è costretto su una sedia a rotelle e fa fatica a spostarsi da Cerreto Guidi, un paese di 11 mila abitanti a un’ora da Firenze. In Rete è quasi una star, il paladino che lotta contro le ingiustizie e le discriminazioni con l’hashtag    #vorreiprendereiltreno
"L’amore, è l’ideale dell’uguaglianza."
(George Sand)
Vorreiprendereiltreno ha come unico scopo quello di dare voce a chi, per troppo tempo, non ne ha avuta.
‪#‎vorreiprendereiltreno‬ vorrebbe restituire quella dignità che le Istituzioni troppo spesso tolgono. È la "lotta col sorriso" contro le barriere architettoniche e culturali, contro gli scalini e l'ignoranza, contro la discriminazione su ogni fronte.
#vorreiprendereiltreno sta con gli ultimi e i "diversi", coi loro diritti e i loro sogni, le aspirazioni comuni, le esigenze condivise.
#vorreiprendereiltreno è, soprattutto, abbracci e strette di mano, eventi e progetti, conferenze e cene, casa e famiglia.
#vorreiprendereiltreno siamo tutti NOI, perché un Paese più accessibile è un Paese migliore per tutti. Ma soprattutto un Paese in grado di amare il prossimo, amarlo con un libro in mano, è un Paese meno ignorante e meno cattivo.

Iacopo Melio ha risposto civilmente a un post razzista di Matteo Salvini. Molti sostenitori di Salvini lo hanno ricoperto di insulti, minacce e offese di ogni tipo. Il Partito Democratico e i Giovani Democratici hanno reagito prontamente. Conosco Iacopo, un grande combattente, dall'umanità straordinaria. Capace di lottare per se e "für ewig" - avrebbe detto Gramsci- per gli altri, per tutte e per tutti. Per questo sono certo che questo brutto episodio non farà che consolidare la sua passione civile e antifascista. 

 Iacopo Melio è stato insultato e offeso pesantemente da alcuni personaggi solo per aver espresso la sua idea in un post di Salvini. Ora va benissimo criticare ed opporsi alle idee altrui, ma insultare un ragazzo e offenderlo per la sua disabilità no! 
Chiedo a tutti di firmare questa petizione. ‪#‎SalviniDissociati‬
L’ideatore della campagna #vorreiprendereiltreno , Iacopo Melio, disabile di 22 anni, è finito al centro di una polemica dopo aver commentato su Facebook un post del…

io ho votato vota anche tu


Frase


“Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione. Perché la tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro.” Charlie Chaplin

La mia vita...


La mia vita ,se possiamo chiamarla vita...continua sempre allo stesso modo.Sono nella merda più nera, non mi arrenderò mai, solo quando sarò morto.Sto bussando a tutte le porte ,anche al Papa ho scritto ,perchè non posso andare avanti così.Possibile che per me, cittadino italiano che non ha mai commesso reati ,non ci sia alcuna soluzione.Faccio appello a tutti a darmi qualche consiglio e sostegno di ogni tipo. Seguite la mia storia qui nel blog e su fb,Grazie

lunedì 11 gennaio 2016

Web sul blog: Comunicazione urgente a tutti gli utenti della pia...

Web sul blog: Comunicazione urgente a tutti gli utenti della pia...: Nelle scorse settimane avete notato la perdita di lettori nel gadget Friend Connect, ma su questo tema ho già scritto in questo  po...

La storia di Mariaclaudia Cantoro ed il suo lieto fine

settembre 2015

Appello al Ministro della Pubblica Istruzione


Un benvenuti a tutti nel mio blog.
Per quelli che non mi conoscono io sono Mariaclaudia Cantoro insegnante disabile
che lavora a 250 km da casa. Precaria da diversi anni. Alcune settimana fa ho deciso
di denunciare ai giornali la mia situazione di disagio.  Successivamente ho aperto una pagina facebook "vorrei poter andare a lavorare". Questa pagina mi aiuta a tenere viva l'attenzione sulla mia storia. Purtroppo, dopo venti giorni dalla mia denuncia non è successo nulla di significativo, la sensazione che provo è quella essere stata abbandonata dalle istituzioni al mio destino.
Per fortuna la vita mi ha abituato a “resistere” davanti alle difficoltà. Voglio fare un nuovo appello al Ministro.

“Caro Ministro della Pubblica Istruzione, mi trovo in una situazione di grave disagio, in quanto non è facile per me raggiungere la scuola di Cagli (PU), mi affatico molto, non so per quanto tempo riuscirò a resistere. Non voglio rinunciare ad insegnare. Credo nella formazione di una società migliore e voglio fare la mia piccola parte. Faccio appello alla sua sensibilità e al suo buon senso. Le chiedo di trasferirmi presso un’altra scuola raggiungibile con dei mezzi pubblici. Le chiedo di restituirmi la mia indipendenza. Attendo una sua risposta. Cordiali saluti. Professoressa Mariaclaudia Cantoro” 

seguono altri post 

sabato 28 novembre 2015

LA MIA VITA È CAMBIATA

Carissimi lettori, amici, colleghi e giornalisti con enorme piacere che annuncio che il 25 novembre 2015 sono stata immessa in ruolo nella provincia di Ascoli Piceno, con sede di servizio a San Benedetto del Tronto presso l’I.P.S.S.A.R (istituto professionale per i servizi alberghieri).
Un avvenimento molto importante per me che mi restituisce ad una vita meno faticosa. Difficile descrivere questo momento sono ancora  incredula e molto emozionata e felice.
Alla fine sono riuscita a spuntarla insieme a tanti colleghi immessi in ruolo con la Fase C della Buona Scuola.
Colgo l’occasione per ringraziare mia sorella Paola che  è la mia compagna di avventura e disavventura. A lei e alla mia famiglia devo questo importante traguardo. La mia disabilità mi impedisce di fare tante cose ma non mi ha impedito di sognare.
Un ringraziamento a tutte quelle persone che non conosco ma che hanno sposato la mia causa e  mi sono state vicino con messaggi sui social e con i tanti like sui i miei post.
Infine, grazie a tutte le testate giornalistiche e televisive che hanno voluto diffondere la mia storia.

Grazie a tutti per aver sognato e sperato con me, oggi splende il sole nella mia vita!
link del suo blog



fonte:http://www.uildm.org/gruppodonne/io-un-esempio-no-grazie/ Articolo di Mariaclaudia Cantoro ,leggete e vedrete la  sua determinatezza nel voler ottenere ciò che dovrebbe essere un diritto per tutti i disabili
 Io un esempio? No, grazie!

Pensieri mattutini

Stamattina pensavo :
- Possibile che per me ,cittadino italiano ,che non mai commesso reati  nessuno offra un lavoro e un alloggio decente!  Con solo 280 euro mensili non si può campare!!!
Si leggono sui giornali storie di famiglie che vivono in camper,barboni che muoiono di freddo sulle panchine ... lo so che non sono l'unico ad avere difficoltà.Finora le ho provate tutte ,ho bussato a tutte le porte,ma nulla è cambiato.
Signor sindaco di Toscolano Maderno ,la invito a mettersi nei miei panni o almeno a darmi una mano.Spero di resistere ancora ,perchè ancora ogni giorno mi ripeto che nonostante la mia vita  sia una merda... è  sempre bello vivere ...

domenica 10 gennaio 2016

Speciale TCT Marcia delle Carrozzine Onlus

Aggressione sessuale Colonia: un attacco e una sfida all'Europa

La notizia riportata in questi giorni dalle maggiori testate giornalistiche tedesche (Bild e Spiegel) della notte da incubo vissuta in prima persona da un numero considerevole di donne che si trovano in piazza per festeggiare il Capodanno e sono state loro malgrado oggetto di un vero e proprio atto, presumibilmente, programmato da parte di migranti nordafricani (visto i foglietti che riproducevano le frasi a sfondo sessuale con cui si rivolgevano alle loro vittime...) la vile aggressione, merita una riflessione!
Questo gravissimo fatto criminoso porta in auge il sempre acceso e controverso tema del processo di integrazione che si arricchisce di nuovi e inquietanti sviluppi. Il dato che sfugge è quanto costi alla popolazione residente in uno Stato, in termini di ricadute sul territorio, la convivenza forzata con quella parte delle quote obbligatorie di ricollocamento dei profughi e rifugiati politici, migranti in gergo, che hanno consuetudini e abitudini civili sideralmente inconciliabili non le nostre.
Quello che è successo a Colonia nella organizzatissima ed efficiente Germania, governata dalla Cancelliera Angela Merkel, First lady che si era aggiudicata, tra il resto, il prestigio podio da parte del "Times" di donna dell'anno, la dice lunga sulla farraginosità dei processi immigratori finora posti in essere dalla U.E.
In un'Unione europea con 28 Stati membri, dove la maggior parte delle frontiere interne sono state eliminate e si può circolare liberamente, l'immigrazione non può essere gestita senza la doverosa pianificazione e senza controlli effettivi. È essenziale che tutti i paesi dell'UE cooperino per gestirla meglio, ma fatti di questa specie dimostrano quanto siano di difficile attuazione le politiche di integrazione se non si applicano regole certe e e ferrea gestione.
La provenienza di migranti con un back ground culturale e di tradizioni dai Paesi del mondo islamico, le cui popolazioni hanno, nella maggior parte dei casi, una visione della donna di stampo medioevale, reputandola inferiore.

myrtilla'shouse: Widget Google Friend Connect

myrtilla'shouse: Widget Google Friend Connect: Web sul blog su questo post informa di lavori in corso sulla piattaforma blogger riguardo al widget Lettori Fissi (non google) E' impo...

lunedì 4 gennaio 2016

TG SOCIALMENTE HD (1° Puntata)

Le inarrestabili atlete


Nicole Orlando con le sue cinque medaglie ai Mondiali di atletica per atleti con sindrome di Down è straordinaria ma non unica.
«Per fortuna», dice fiera mamma Roberta, «È una campionessa, come altre, che hanno vinto tanto. Che bello sia vista come esempio». Perché la storia di Nicole si intreccia con quelle di Maria o Dalila o Sara, che hanno illuminato il 2015 con l'oro che brilla, e con quelle di oltre duemila ragazzi e ragazze con sindrome di Down, che giocano e si divertono nelle gare organizzate dalla Fisdir, la Federazione Sport Disabilità Intellettiva e Relazionale.
Nicole scelta dal Presidente Mattarella a rappresentarli tutti: quelli che non si fermano davanti alle difficoltà e sanno superarle. «Che emozione quando ho sentito che mi citava. Ero in montagna con la mia famiglia, festeggiavo Capodanno. Dicevo: ma ho sentito bene?».

La foto di Nicole commossa sul podio, avvolta dalla bandiera italiana, nella mano il peluche simbolo dei Mondiali, gli occhi al cielo e la medaglia d'oro al collo ha fatto il giro del web. Benedetti siano facebook e twitter. È la fine di novembre. Si sono appena conclusi i campionati in Sudafrica.
Mauro Ficerai, il c.t. degli Azzurri, con il cellulare riprende Nicole dopo il suo ennesimo trionfo. Alla fine saranno per lei quattro medaglie d'oro (100 metri, salto in lungo, triathlon con record del mondo e staffetta 4x100) e una d'argento (200 m). La Fisdir la mette sul proprio profilo facebook, mamma Roberta la fa avere giustamente orgogliosa ai giornali del biellese, in Piemonte, dove vivono.
Viene ripresa prima da un deputato 5 Stelle, Tommaso Longobardi e poi da Matteo Renzi, che la posta sul proprio profilo: «Avete fatto onore al nostro Paese e a tutti quelli che non si arrendono mai. Siete un esempio per tutti». E aggiunge: «La più brava di tutti è stata Nicole Orlando».
Non solo Nicole e non solo atletica.

Maria Bresciani ha vent'anni. Da più di dieci è in piscina tutti i giorni. La sera lavora in una pizzeria di Cremona, Il Pepe Nero. Fa volontariato. Suona con la chitarra le canzoni di Laura Pausini. Nel nuoto è la migliore del mondo: 49 medaglie internazionali (36 d'oro, 7 d'argento e 6 di bronzo).
Dalila Vignando aiuta nel ristorante di famiglia, l'Osteria Vecia di Luisago, vicino Como, ma quello che ama è nuotare. È un fenomeno mondiale. Anche lei ha iniziato presto. «Quando è nata, i medici avevano dato meno del 10% di possibilità di sopravvivenza. Ora ci troviamo una campionessa» dice Gianfranco, uno dei suoi quattro fratelli che l'accompagnano agli allenamenti.
Sara Spano è uno scricciolo di 16 anni. Ha iniziato con l'atletica a 6 anni. Si ispira a Nicole. Ha dedicato alla mamma, morta due anni fa, le medaglie ai Mondiali. Studia al liceo artistico e suona il pianoforte. È questa l'Italia bella paralimpica del discorso del Presidente Mattarella.

Nicole respira sport da quando è nata. Mamma giocava a basket, papà Giovanni a calcio in Serie C. Aveva pochi mesi e già nuotava. Mamma Roberta: «Mi dicevano: ha i legamenti lassi. Allora l'ho mandata in piscina». Prima il nuoto, poi la ginnastica, con la società Lamarmora. «C'erano regole uguali per tutti, disabili e normodotati».
Al liceo (lo scientifico tecnologico, uscita con 100 e una tesina su un blog) le prime gare di atletica. «Il salto in lungo e la corsa mi piacciono tanto. Mi alleno tutti i giorni, fra atletica, nuoto e tennis tavolo». Sarà la madrina della presentazione, l'8 gennaio, della prima edizione dei Trisome Games, i Giochi Mondiali per atleti con sindrome di Down, con otto sport, che si terranno a luglio a Firenze.

«Ho un sogno: fare l'attrice». In parte realizzato lo scorso dicembre in un musical sul bullismo ispirato a Glee, "Losers". E ha partecipato alle riprese di un prossimo film con Depardieu, "Creators". Franco Bomprezzi, su InVisibili, il blog del Corriere della Sera dedicato alla disabilità, scrisse per primo di lei. Aveva 18 anni. Le disse: «Fai un blog». Iniziò a scrivere Il Diario di Nicole.
Racconta di lei: «Mi piace ascoltare Emma e Mika e suonare la batteria». È una grande tifosa di calcio: «A Natale mi hanno regalato il libro con le Prime Pagine della Gazzetta sull'Inter. Ljajic è il mio giocatore preferito. Che bello sarebbe vederlo giocare e allenarsi». Chissà se il suo desiderio si potrà esaudire. Meglio sarebbe quello della mamma: «Il lavoro. Le piace fare la segretaria, lo fa anche alla nostra società sportiva, Team Ability. Eravamo in tre atleti, ora siamo in 16». Intanto Nicole ti parla e lo dice: «Sono felice? Sì, sono proprio felice».
A cura di di Claudio Arrigoni

domenica 3 gennaio 2016

BARZELLETTIAMO


Avendovi intrattenuto finora con argomenti poco allegri stasera vi propongo delle barzellette  trovate in rete .
Buon divertimento ,ridere fa bene alla salute .


Pierino:"signora maestra,si può punire uno per una cosa che nn ha fatto?
Maestra:”no di certo!
Bene,allora non ho fatto i compiti.



La mamma dice a Pierino: Pierino, vammi a comprare lo spirito in farmacia!
Pierino va in farmacia e paga...Poi va in chiesa e il prete
gli dice: Pierino fai il segno della croce: Nel nome del padre, del figlio amen. Prete: Pierino, e lo SPIRITO???????
Uuuuuuuuuuhh!!!!!!L'ho dimenticato in farmacia.... 


Ke differenza c'è tra una moto e un water?
Con la prima ti siedi x correre e con il secondo corri x sederti!


Marito e moglie a letto:
Lei:''amoree.. si vengo''
Lui:''tesoroo vengo vengo''
Il bimbo dalla cameretta:''vengo anche io!''
Il nonno:''aò ma dò cazzo annate tutti a quest'ora???''.

Fisco e risparmio: novità ed agevolazioni del 2016.

Tante le novità del 2016 per cittadinigiovanifamiglie, lavoratori,pensionati, imprenditoricorrentisti, piccoli risparmiatori e possessori dipartita IVA.
Cancellazione di IMU e TASI e di accise ed IVA, per un valore di oltre 20 miliardi di euro. Ammortamento del 140% per le aziende italiane che investono in beni strumentali. Sospensione dell’aumento di IRPEF e IRAP a favore degli Enti Locali. Nuovo regime per le partite IVA.
Questi alcuni degli interventi previsti dalla legge di stabilità per il nuovo anno, ma esaminiamo in dettaglio ciò che prevede la manovra.
IMU e TASI: Abrogata IMU e TASI per circa 19 milioni di italiani proprietari di una casa e di terreni agricoli. Lo sgravio totale ammonta a 3,7 miliardi di euro. La TASI viene abolita anche per i semplici inquilini. IMU e TASI al 50% per la casa data in comodato a figli o genitori, però il comodato dovrà essere registrato e si dovrà possedere al massimo una prima casa oltre quella data al parente. Sconto TASI anche per i separati. La TASI resta ancora in vigore su tutti gli immobili di pregio come ville e castelli.
Casa: Per l’acquisto di un immobile residenziale da un’impresa costruttrice l'IVA pagata potrà essere recuperata al 50% dall'acquirente, in 10 rate, sull’IRPEF. Uno sconto del 25% a favore dei proprietari che concedono in affitto l'immobile a canone concordato. Dal 2016, inoltre, la prima casa si potrà acquistare in leasing pagando un canone ed alla fine un valore di riscatto. Il leasing sarà agevolato per gli under 35 con reddito sotto i 55 mila euro.
Mobili: Per le giovani coppie under 35 il bonus mobili vale anche se slegato da ristrutturazioni, fino a 16 mila euro.
Canone RAI: Scende a 100 euro l’anno e si pagherà a rate con la bolletta della luce, i criteri sono ancora da fissare. Sale la platea degli over 75 esenti che non pagano fino ad 8 mila euro di reddito.
E-control dei riscaldamenti: Sconto del 65%, come per il bonus energia, a chi acquista un sistema elettronico in grado di monitorare i consumi e controllare a distanza l’accensione dell’impianto di riscaldamento.
Famiglia: Accantonati 600 milioni di euro per un piano povertà. L’importo finanzierà anche una carta di acquisto per famiglie con almeno tre figli o con figli disabili. Previsti 100 milioni anche per la legge sul “dopo di noi”, in favore dei disabili che rimangono senza i genitori. I neo-papà avranno due giorni di congedo obbligatorio, anche non consecutivi. Per le mamme prorogato al 2016 il voucher babysitter, che viene esteso in via sperimentale, anche alle lavoratrici autonome. Il congedo obbligatorio di maternità d'ora in poi sarà valido ai fini del premio di produttività.
Lavoro: Per i giovani, ma anche per chi è rimasto senza lavoro durante la crisi, più probabilità di trovare una occupazione a tempo indeterminato, con la proroga degli sgravi sulle assunzioni ora ridotti al 40% con tetto a 3.250 euro e validi per due anni. Rifinanziata per il 2016, e in parte per il 2017, la "Dis-coll" l'indennità di disoccupazione introdotta dal Jobs Act per i collaboratori (co.co.co).
Pensioni: Il Governo entro settembre verificherà le risorse per consentire anche nel 2016 l'andata in pensione anticipata delle donne attraverso il meccanismo “Opzione donna”.
NO TAX AREA: Interessa 6 milioni di pensionati over 75 e sale a 8 mila euro dal 2016. Le pensioni non saranno ridotte in caso di inflazione negativa.
IVA: I previsti aumenti di IVA e accise (con impatto su benzina e gasolio), che sarebbero dovuti scattare dal 1 gennaio, sono stati momentaneamente sospesi (taglio pari all’1% del PIL, per un valore di 16,8 miliardi di euro). Permangono comunque le “clausole di salvaguardia” per 15 miliardi nel 2017 e 20 miliardi nel 2018. Gli accertamenti fiscali su IVA e imposte sui redditi sono stati allungati da 4 a 5 anni, fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione contestata. Per le dichiarazione di IVA nulla, l’accertamento può essere effettuato fino all’ottavo anno successivo. E’ stata abolita la norma che raddoppia i termini per l’accertamento di IVA e imposte dirette nel caso in cui la violazione comporti l’obbligo di denuncia per reato tributario.

sabato 2 gennaio 2016

Isee e disabilità il dilettantismo dei parlamentari

Si trascinano gli echi della discussione che per un’ora, sabato, c'è stata alla Camera sul nuovo Isee. Con poca utilità per le persone con disabilità. Il Pd intanto, davanti al can can, realizza un video per rispondere alle accuse.
Molinari (ex M5S) al Senato aveva presentato l’emendamento 25.0.10, semplice e diretto: «a decorrere dal 2016 le indennità di accompagnamento e le pensioni di invalidità sono escluse dal calcolo dell’ISEE». Silenzio.
Poi alla Camera, direttamente in Aula, ci riprova Giorgia Meloni: «l’emendamento presentato da Fratelli d’Italia dice una cosa semplice: esentiamo dai parametri per il calcolo dell’ISEE, cioè della ricchezza con la quale le famiglie accedono ai servizi sociali, l’indennità di accompagnamento e la pensione di invalidità». Si scatena il putiferio.

L’Aula ne discute per un’ora, sabato, con Forza Italia che sottoscrive l’emendamento di Fratelli d’Italia, tutto il gruppo parlamentare MoVimento 5 Stelle che mette la firma a questo emendamento e singoli deputati – tra cui Ileana Argentin e Paola Binetti – che annunciano di voler votare a favore.
SEL dichiara di condividere l’impianto dell’emendamento ma di astenersi dal voto perché le risorse per coprire l’intervento (3 milioni di euro, dice l’emendamento della Meloni, non si capisce come siano calcolati) vengono sottratte all’accoglienza per i profughi.

Ora, il nuovo Isee è entrato in vigore il 1 gennaio 2015, un anno fa. Il fatto che esso computi come reddito anche gli emolumenti economici ricevuti da uno qualsiasi dei componenti il nucleo familiare per invalidità e/o condizione di disabilità o non autosufficienza, è sotto accusa da allora....